I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Viaggio d'Istruzione in Polonia

Dal 12 al 17 aprile 25 alunni delle classi IV e V della sede di Pulsano, accompagnati dalle prof.sse Speciale e Giusto, hanno partecipato al Viaggio d'Istruzione in Polonia.

Il tour della Polonia è stato davvero il viaggio d'istruzione per eccellenza. Il tour della pura emozione: partendo dalla capitale Varsavia, passando attraverso il Santuario della Madonna Nera di Czestochowa, siamo arrivati a Cracovia, capitale della Polonia fino al 1609.

La scelta della Polonia come meta del nostro viaggio non è stata solo una scelta didattica, ma soprattutto una scelta di cuore. Si, sono stati proprio i nostri alunni a chiedere questa meta, per visitare i campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz e di Birkenau, per vedere con i loro occhi e sentire sulla proprio pelle tutto il male subito dagli Ebrei, lì dove si è perpetrato il più grande e disumano genocidio, che l'uomo abbia mai commesso. 

A Cracovia abbiamo visitato anche la fabbrica di Oskar Schindler, un imprenditore tedesco, famoso per aver salvato, durante la seconda guerra mondiale, circa 1.100 ebrei dallo sterminio (Shoah), con il pretesto di impiegarli come personale presso la sua fabbrica di utensili. Anche la visita al ghetto degli Ebrei ha suscitato in tutti noi tanta emozione e tristezza. A Wadowice, invece, abbiamo visitato la casa natale di papa Wojtyla, dove ha vissuto con suo padre fino all'età di 18 anni e che, oggi, è un museo, visitato da milioni di turisti. Sulla collina del Wawel, cioè il fiume Vistola, abbiamo visitato il Castello reale e la maestosa Cattedrale, mentre alle luci del tramonto abbiamo ammirato la Piazza del mercato con la chiesa di Santa Maria.

A far spalancare gli occhi dei nostri alunni, per la straordinaria bellezza, sono state anche le Miniere di sale a Wieliczka, Patrimonio Culturale e Ambientale dell'UNESCO. A 135 m sotto il livello del mare, dopo aver sceso 8oo gradini, la nostra guida Mirko ci ha illustrato il pesante lavoro dei minatori e ci ha fatto ammirare le sculture di sale scolpite dagli stessi minatori. Ma l'opera più grandiosa è sicuramente la cappella di Santa Kinga, con scene tratte dal vangelo, tutte scolpite nel sale.

L'ultimo giorno, prima di rientrare a Taranto, abbiamo visitato nella periferia di Cracovia il monastero di Kopiec, su una collina, dalla quale si può godere una vista suggestiva sull'intera città e poi il Castello di Pieskowa Skala, situato all'estremità nord del parco nazionale di Ojcow.

L’aspetto qualificante di questo viaggio è stato il carattere interdisciplinare.  Gli allievi partecipanti hanno messo in campo tutte le proprie competenze linguistiche per capire e farsi capire, si sono confrontati con una mentalità differente dalla nostra, hanno gustato specialità gastronomiche del tutto nuove, hanno ammirato bellezze artistiche e naturalistiche di estrema bellezza. Il viaggio di istruzione è tempo scuola, un tempo dedicato all’educazione, alla partecipazione matura e responsabile degli studenti, oltre ad una piena condivisione delle finalità didattiche.